indice
Pippo Baudo

 

:: Biografia

Personaggio tra i più popolari della televisione in Italia, esordì in Rai negli anni ’60 con un programma di grande successo, “Settevoci” (antesignano dei talent shows contemporanei), in onda per quattro anni la domenica pomeriggio, che contribuì al lancio di numerosi nuovi talenti. Nel 1968 condusse la sua prima edizione del festival di Sanremo – complessivamente ne avrebbe presentate 13, l’ultima nel 2008 – di cui assunse la direzione artistica in varie edizioni a partire dal 1994. Tra gli altri programmi importanti da ricordare “Canzonissima” e “Fantastico”. Anche autore di canzoni, tra quelle di maggior successo citiamo “Donna Rosa” (1968), cantata da Nino Ferrer e Nino Taranto, “La quadriglia” (1965) cantata da Sacha Distel, “Una domenica così” (1967) cantata da Gianni Morandi, “ W le donne” (1968), cantata da Nino Manfredi, e “Stasera sì”. Come interprete ha inciso un solo disco, “Gingì”, nel 1970. Ha lavorato soprattutto in Rai, con rari intervalli a Mediaset (dove nel '98 realizzò un programma sulla storia della musica italiana – “La canzone del secolo” - e alcune serate speciali sulla moda e sulla musica classica).