indice
Ettore Petrolini

 

:: Biografia

Fugge di casa all’età di 15 anni per calcare il palcoscenico, e a 17 riesce a debuttare come macchiettista e chansonnier in teatri romani come lo Jovinelli e la Sala Umberto; nel 1907 l’impresario americano Séguin lo ingaggia per una tournée in Sudamerica, e al suo ritorno l’artista fonda una propria compagnia e vara una serie di spettacoli in cui propone macchiette comiche romanesche, da Giggi er Bullo a Sor Capanna, con stornelli e canzoni di grande presa - “Gastone”, del 1921, rifacente il verso ai divi del tabarin come Gino Franzi, “Nannì (Una gita a li castelli)”, “I salamini”, “Tanto pe’ cantà”, del 1932, ripresa da Nino Manfredi negli anni ‘70 - e commedie da lui stesso firmate (come “Cicchignola”). Nel 1930 il regista Alessandro Blasetti monta in un film (“Nerone”, che prende il titolo da uno dei suoi personaggi più fortunati) gli sketches più centrati del suo repertorio.